L’europa, il mondo, la finanza contro il sociale

La finanza è il peggior nemico del popolo e degli stati che lo governa. Con l’Euro ed il mercato comunitario europeo, i paesi del vecchio continente si stanno pian piano trasformando in tirannie gestite e manipolate da pochi grandi “bigs” della finanza. Rispettare le regole imposte dall’Unione Europea crea varchi enormi tra le classi sociali. Le misure intraprese per rispettare i patti di stabilità vengono adottate a discapito delle classi sociali più vulnerabili. Praticamente si ruba ai poveri per dare ai ricchi. Un Robin Hood al contrario insomma. La Grecia è in sommossa, l’Irlanda, il Portogallo, la Spania e l’Italia sono al tracollo. Il malcontento si dilaga. Ora in modo “pacifico” ma se domani non si avranno riscontri concreti la situazione è destinata ad aggravarsi. Diventerà un cerchio vizioso che portera l’Umanità a regredire tra sommosse, ribellioni e guerre civili.

Nessun sistema economico-politico deve prevalere a discapito del sociale. La logica impone un certo tipo di pensiero, e cioè quello di dire che se il popolo sta bene, l’economia seguira. E’ questo il cerchio da rincorrere. Sembra retorica ma è logica. Se la gente comune (99%) si trova in situazioni tranquille e serene e quindi tutti hanno un lavoro con un reddito appropriato, una casa,la possibilità di formare una famiglia, fare progetti, insomma la possibilità di vivere e non sopravivere l’economia nel suo insieme ne gioverà inevitabilmente.

Di seguito una play-list inserita su Youtube dall’utente : 4wAnna di vari filmati riguardanti la situazione a livello mondiale

 

La gente DEVE riprendersi il potere. Basta con le banche e multinazionali. Basta sacrifficare i tanti per il lucro di pochi.

Il 2012 si preannuncia l’anno del cambiamento. Un cambiamneto a livello globale. Cambierà tutto il nostro sistema socio-economico. Cambieranno i pensieri, gli obbiettivi. Cambierà il karma dell’Umanità.

L’europa, il mondo, la finanza contro il socialeultima modifica: 2011-11-04T07:20:00+01:00da liberocentauro
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento